ISEA ODV

VOLONTARI PER PASSIONE

Cartelli contro la shrinkflation nei supermercati: Unilever trascina in tribunale Intermarché

Il colosso dei prodotti agroalimentari e per l'igiene Unilever (marchi Knorr, Amora, Ax e Carte d'Or) ha citato in giudizio la catena di supermercati francesi Intermarché per la sua campagna di affissioni contro il fenomeno della shrinkflation e ritenuta dalla multinazionale "denigratoria"

Avevano affisso tra le corsie dei supermercati cartelli del tipo “Avant, Magnum ça voulait dire grand”, “Prima, Magnum significava grande” o “Knorr, mi piacevi”, per contestare contro la dilagante shrinkflation e segnalare ai consumatori la sgrammatura (la riduzione del peso a parità di prezzo) di alcuni prodotti marchiati Findus, Knorr, Magnum e Carte d’Or.

Ma l’iniziativa dei supermercati francesi Intermarché non è piaciuta a Unilever – la super multinazionale produttrice di questi e altri marchi  (tra l’altro ultimamente indagata per false affermazioni “green” ) –, che si è sentita ingiuriata e ha così aperto un’azione legale.

Leggi anche: Stop alla shrinkflation: in questo supermercato per la prima volta al mondo un’etichetta avverte i consumatori

Dopo il bando, decretato da Carrefour contro Pepsico, poi dilagato in altre nazioni, Italia compresa, i francesi non ci stanno a sottostare alle regole del mercato, ma Unilever fa la parte da leone e trascina in giudizio Intermarché. La prima udienza si terrà mercoledì 31 gennaio davanti al Tribunale del commercio di Parigi.

Cos'era accaduto?

Nei mesi scorsi i supermercati Intermarché avevano deciso di mettere na serie di cartelli in cui pubblicamente veniva tacciata la multinazionale britannica di shrinkflation, ossia di riduzione ponderale di alcuni prodott a ugual prezzo. Una denuncia bella e buona che faceva simpaticamente il verso agli annunci pubblicitari reali:

  • il claim “Knorr j’adore’ è diventato ‘Knorr j’adorais” (Adoravo Knorr) con le parole ‘J’adore’ barrate e una nota per quantificare il rincaro (in base alla perdita di volume)
  • oppure: “Avant Magnum, ça voulait dire grand (Una volta Magnum voleva dire grande). Anche qui la sgrammatura dei gelati corrisponderebbe a una perdita 70 grammi
  • e ancora su Findus, altro marchio Unilever: “Ça jette un froid” (‘Proietta un’ombra”), mentre la didascalia stima

La denuncia

Unilever non ci sta e lo scorso 17 gennaio ha chiesto l’intervento degli ufficiali giudiziari che hanno ordinato uno stop e due giorni dopo la multinazionale ha fatto partire l’azione legale.

Uno scontro fra titani, considerando che Unilever ha un giro d’affari mondiale di 60,1 miliardi di euro (dato al 2022) e 3,4 miliardi di consumatori al giorno. Ma vero è che la shrinkflation è particolarmente avversata dai francesi, tanto che lo stesso Governo intende promuovere una legge per obbligare i rivenditori a informare gli acquirenti di quando dimensioni o peso dei prodotti vengono diminuiti.

Fonte: greenme.it

Sul medesimo argomento leggi anche:

 

ISEA ODV - FACEBOOK ISEA ODV - X ISEA ODV - YOUTUBE

 

NOTE LEGALI PRIVACY POLICY COOKIE POLICY F.A.Q.